Informazioni utili per il vostro arrivo a Parigi

Visti, dogane: le informazioni utili per un sereno arrivo in Francia.

CONDIZIONI DI INGRESSO IN FRANCIA

Carte du Royaume-Uni © Thinkstock

Per un soggiorno turistico in Francia (max 90 giorni) i viaggiatori sono tenuti a presentare un documento di viaggio in corso di validità, riconosciuto dalle autorità francesi: chi proviene dall’Unione Europea (UE) deve munirsi almeno di una carta d’identità nazionale; chi proviene da paesi non membri della UE deve presentare il passaporto.

Inoltre è richiesto un visto di soggiorno breve valido: esso deve corrispondere al motivo e alla durata del soggiorno. Il visto non è necessario per i cittadini della UE, dello Spazio Economico Europeo, della Svizzera e di altri paesi. L’elenco completo è disponibile sul sito del Ministero degli Affari Esteri.

La Francia fa parte dei 26 paesi dello spazio Schengen. Un viaggiatore che abbia ottenuto dalle autorità consolari francesi del suo paese di residenza un visto di soggiorno breve potrà viaggiare liberamente i tutti i paesi dello spazio Schengen.

Per i soggiorni di durata superiore a 90 giorni sul territorio francese, le condizioni di ingresso sono differenti. Maggiori dettagli sul sito internet diplomatie.gouv.fr

Prima di un soggiorno in Francia è caldamente consigliato chiedere informazioni presso l’autorità consolare competente del proprio luogo di residenza. L’elenco è disponibile sul sito del Ministero degli Affari Esteri.

FORMALITÀ DOGANALI

Visa Schengen © Fotolia

Prima dell’arrivo sul territorio francese, ogni viaggiatore è suscettibile di controllo da parte dei servizi doganali. Per passare la dogana in tutta tranquillità, tutte le formalità da adempiere e i consigli pratici sono consultabili sul sito internet del Ministero dell’Economia e delle Finanze.

Vi sono delle formalità comuni a tutti i viaggiatori, quale che sia la loro provenienza. È il caso del trasporto di merci. Alcune merci sono totalmente proibite (droga, merci contraffatte...). Altre sono sottoposte a restrizioni (medicinali, derrate alimentari...). I capitali (banconote, monete, traveler’s cheques...) per un valore superiore a 10.000 € devono essere dichiarati.

Le quantità di tabacco* e alcolici** autorizzati in franchigia variano in funzione del paese di provenienza del viaggiatore (membro UE o no).

I viaggiatori provenienti da Andorra sono soggetti a condizioni particolari.

In tutti i casi, al di là dalle quantità consentite in franchigia, i viaggiatori hanno l’obbligo di dichiarare alla dogana i prodotti trasportati e pagare i diritti e le tasse corrispondenti.

* Le quantità variano a seconda del tipo di tabacco (sigarette, cigarillos, sigari, tabacco da fumo).
** Le quantità variano a seconda della gradazione o del tipo di alcolici (superiori a 22°, inferiori a 22°, vino, birra).

Per maggiori informazioni contattare Infos Douane Service:
Dalla Francia metropolitana: 0811 20 44 44 (0,06 €/min + scatti alla chiamata)
Dall’estero o dalla provincia: +33 (0) 1 72 40 78 50
Email: ids@douane.finances.gouv.fr