Avvertenze e raccomandazioni

Ambiente, tutela dei minori, tabagismo: raccomandazioni importanti

Raccomandazioni

Vi consigliamo di non spostarvi mai con tutto il denaro, oggetti di valore, gioielli, biglietti d’aereo o passaporto. Utilizzate le casseforti proposte dalle strutture alberghiere e conservatevi gli estremi delle carte di credito.

Siate prudenti poiché i turisti sono regolarmente nel mirino degli scippatori e dei truffatori. Acquistate sempre i biglietti presso i punti vendita ufficiali.

Siate sempre attenti sui mezzi pubblici, presso i siti turistici molto frequentati (Torre Eiffel, Champs-Élysées, Louvre...) e in alcuni bar che propongono hostess (in particolare nel quartiere di Pigalle). Se siete sollecitati da una persona che sostiene di essere un poliziotto, non esitate a chiedergli la tessera ufficiale.

Ritrovate tutti i consigli di prevenzione e i numeri utili sulla guida Parigi sicura, disponibile presso punti d’accoglienza dell’Ente del Turismo.

Salvaguardia dell’ambiente

Raccolta differenziata dei rifiuti domestici, pulizia delle strade, monitoraggio della qualità dell’aria, sviluppo dei trasporti pubblici ecologici, organizzazione della Settimana dello sviluppo sostenibile a cura del Comune... A Parigi, la salvaguardia dell’ambiente è una questione che riguarda tutti. Anche i visitatori della capitale sono invitati a contribuire a questa iniziativa. Indipendentemente dal tipo di sistemazione prescelto, evitate di sprecare acqua e energia elettrica; privilegiate i mezzi pubblici per spostarvi in città; quando è possibile, smaltite i rifiuti negli  appositi contenitori.

Tutela dei minori

La prostituzione dei minori è vietata in Francia. In caso di ricorso alla prostituzione di un minore, indipendentemente dall’età di quest’ultimo, le sanzioni penali contro i clienti possono arrivare fino a 100.000 euro di ammenda e sette anni d’incarcerazione.
Il reato può essere contestato non solo a un maggiorenne, ma anche a un minore.
Come precisa il preambolo alla convenzione dell’ONU del 2 dicembre 1949 per “la repressione della tratta degli esseri umani e lo sfruttamento della prostituzione altrui”, questi traffici “sono incompatibili con la dignità ed il valore della persona umana”.

Divieto di fumare

La lotta contro il fumo è una delle priorità della pubblica sanità francese. Dal 1° gennaio 2008, è vietato fumare negli esercizi commerciali che somministrano bevande, in alberghi, ristoranti, tabaccherie, casinò, circoli di gioco e discoteche, salvo negli spazi appositamente allestiti per i fumatori.